Non ti allarmare fratello mio

Segen

Tesfalidet Tesfom, Segen, a bordo della nave Open Arms (foto http://www.vita.it)

Non ti allarmare fratello mio


dimmi, non sono forse tuo fratello?

Perché non chiedi notizie di me?

È davvero così bello vivere da soli,

se dimentichi tuo fratello al momento del bisogno?

Cerco vostre notizie e mi sento soffocare

non riesco a fare neanche chiamate perse,

chiedo aiuto,

la vita con i suoi problemi provvisori

mi pesa troppo.

Ti prego fratello, prova a comprendermi,

chiedo a te perché sei mio fratello,

ti prego aiutami,

perché non chiedi notizie di me, non sono forse tuo fratello?

Nessuno mi aiuta,

e neanche mi consola,

si può essere provati dalla difficoltà,

ma dimenticarsi del proprio fratello non fa onore,

il tempo vola con i suoi rimpianti,

io non ti odio,

ma è sempre meglio avere un fratello.

No, non dirmi che hai scelto la solitudine,

se esisti e perché ci sei

con le tue false promesse,

mentre io ti cerco sempre,

saresti stato così crudele se fossimo stati figli dello stesso sangue?

Ora non ho nulla,

perché in questa vita nulla ho trovato,

se porto pazienza non significa che sono sazio

perché chiunque avrà la sua ricompensa,

io e te fratello ne usciremo vittoriosi

affidandoci a Dio.

A 22 anni stavo decidendo se continuare o interrompere gli studi.
Ho conosciuto la donna della mia vita e sono andato in vacanza in Croazia.
Lavoravo facendo le pulizie in una chiesa e mi sentivo un eroe ogni volta che riuscivo a mettere qualche soldo da parte, che il futuro l’ho sempre sentito vicino.
Ero un ragazzo di 22 anni.

Tesfalidet Tesfom lo chiamavano Segen.

È morto il 13 marzo del 2018 a causa di una grave malnutrizione all’ospedale di Modica.
Partito dall’Eritrea, era stato in prigione in Libia per 19 mesi.

In tasca due poesie che aveva scritto, la ricchezza di chi non ha nulla.

Era un ragazzo di 22 anni.

 

(…Obiettivo sbarchi zero, il futuro prima o poi ritorna, prima gli italiani, per i molti e non per i pochi, uno vale uno, più turisti e meno migranti nei borghi del Lazio, stop invasione, i palestrati con il telefonino, scegli l’Europa…)

 

 

3 pensieri su “Non ti allarmare fratello mio

  1. impossibile restare indifferenti per cui rebloggo questo post che si commenta da solo…
    il tuo blog mi è apparso nei suggerimenti di wp, talvolta a seguire le indicazioni non si sbaglia. A presto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...